Perchè il Passato continui a Parlarci!

Pubblicato da: | Pubblicato il: 16 agosto 2014

ivo


Un doveroso omaggio a Maria Melioli Macera e a come vedeva Il bosco di Castagni

Pubblicato da: | Pubblicato il: 16 agosto 2014
marisa

IL BOSCO DI CASTAGNI L’aria già porta odor di foglie gualcite nella terra e la nebbia, che dipana fumigando nel bosco dei castagni, vela appena il verde declinare delle chiome. Nel rustico silenzio, l’improvviso è il fruscio d’un attimo, un lieve tonfo, qua e là, brulichio di vita nascosta. Sono i ricci che cadono, muti, giacciono al suolo con molti altri, da ciascuno prorompe la castagna viva, lucida e rubiconda. Il tacito bosco dei castagni è un quieto tessere di suoni, risa liete son memoria assorbita da un fremito d’ali tra i rami. Marisa Melioli Macera


Bei ricordi dei nostri avi

Pubblicato da: | Pubblicato il: 13 agosto 2014

1-AVI 1-DSC_3155

Foto anni ’30 – nonni e zii                                 Foto del 1905 con mio padre appena nato ad ACERO

 

 


“Antico molino a turbina di Belpiano”

Pubblicato da: | Pubblicato il: 13 agosto 2014

 

Antico Molino a turbina di Belpiano 

“Antico Molino a turbina di Belpiano”

La parte originaria della struttura è databile ad almeno al XVIII secolo mentre, nella consistenza attuale, l’edificio risale al 1832.

E’ costituito da due blocchi edilizi aderenti di cui uno detto torre, con altezza pari a circa 7 metri, al cui interno è stata ricavata una condotta di sezione decrescente verso il basso (A), e l’altro adibito, nella parte inferiore a locale turbina(B), a locale macina al livello sovrastante (E) e ad alloggio del mugnaio nel locale sottotetto (G).

Diversamente da quanto avviene normalmente l’edificio non è stato realizzato sull’argine del corso d’acqua, ma in prossimità delle abitazioni, pertanto si è reso necessario convogliare l’acqua dal rio alla parte sommitale della torre mediante appositi canali, “beudi”, ancora in parte visibili.

Altra peculiarità di tale mulino è l’adozione del sistema a ruota idraulica orizzontale anziché verticale, più adatto a un minor quantitativo di acqua disponibile.

 

L’intero complesso, oltre all’attigua fonte e alla sottostante vasca di raccolta, sono stati dichiarati di

“interesse culturale particolarmente importante”

(ai sensi dell’art. 10, comma 3, lett. a) e comma 4, lett. l) del D. Lgs. 42/2004)

dalla Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Liguria il 2.11. 2010.

 

Alla cura e al mantenimento del complesso ha provveduto, da sempre, la famiglia Sbarboro


BELPIANO E BORZONE – L’ALLEVAMENTO DEI MAIALI ERA CURATO DAI MONACI DELL’ABBAZIA DI BORZONE

Pubblicato da: | Pubblicato il: 13 agosto 2014

BORZONE

borzoneprima

prima degli interventi compresa l’eliminazione dei fili

BORZONEDOPO

dopo gli interventi

 

1-DSCF1142

Particolare della Torre

1-DSC_0179

Altra vista

IL VOLTO MEGALITICO

1-volto

IL SUGGESTIVO VOLTO

E I LUOGHI DELL’ENERGIA Borzonasca ha fra le sue ricchezze un’eccezionale complesso religioso in stile gotico-romano, uno dei monumenti più importanti del patrimonio storico architettonico-ligure: l’Abbazia di Borzone. Fondata nel 11, monumento nazionale dal 1910. Un ambiente unico di totale immersione nela natura, nel Medioevo, nel profondo silenzio che qui si può apprezzare. Nelle immediate vicinanze proseguendo la strada per Zolezzi si può ammirare un altro misterioso monumento: il “Grande Volto Megalitico” scolpito nella roccia, raffigurante il Volto di Cristo al centro di numerose ricerche, studi ed approfondimenti. Si consigliano come periodi migliori per poterlo vedere le stagioni con minore vegetazione. Proseguendo si potranno raggiungere i ruderi dell’antichissima chiesetta romanica di S. Martino di Liciorno, quindi il borgo di Pratosopralacroce da cui dipartono i sentieri e le strade che raggioungono il Monte Aiona, il Rifugio di Prato Mollo in posizione dominante ad unì’altitudine di 1500 mt. s.l.m. Le malghe di Perlezzi e Vallepiana. La ricchezza ligure, la ricchezza di un territorio a due passi dal mare, la ricchezza di Borzonasca e del suo vasto territorio.     Dal libro “I luoghi magici dell’energia” di Gigi Capriolo: Borzonasca – Abbazia di Borzone: A nord-ovest dell’Abbazia si vede un signolare mascherone scolpito nella roccia he ha probabilmente funzioni protettive. Anche sugli stipiti e e sulel fontante compaiono scolpite teste di guardiani. Probabilmente si tratta di una tradizione ereditata dai Celti che usavano conservare, come oggetti di culto, le teste mozzate dei nemici inchiodandole sulle soglie. Sermpre nei dintorni presso il rifugio del Monte Aiona, c’è una pietra molto strana, che potrebeb essere un meteorite. E’ dotata di incrediili proprietà: avvicinandovi una bussola, l’ago devia con forz e, percuotendola, emette un suono simile a quello di una campana. Inoltre sia posta a difesa di un tunnel sotterraneo, istoriato con fgraffiti di origine extraterrestre.”   ……………… Si tratta della Pietra Borghese, vistoso monolite di roccia in grado di far appunto impazzire le bussole quando sono nelle vicinanze della sua massa scura. La troviamo lungo la strada che da Pratospralacroce raggiunge Pratomollo.


Ora di Vincenzo Sbarboro

Pubblicato da: | Pubblicato il: 12 agosto 2014

Ora che mia madre

è

vento

fulgida

mi accoglie

la forsizia.

 


Sarà la verità di Vincenzo Sbarboro

Pubblicato da: | Pubblicato il: 12 agosto 2014

Non sarà

giustizia

non amore

e quant’altro miraggio

mal di panza

o artifizio della mente.

Sarà la verità

a farci liberi;

la coscienza

a crearci dei,

e la conoscenza

sole dell’incorporeo.

 


Poesia di Vincenzo Sbarboro

Pubblicato da: | Pubblicato il: 12 agosto 2014

Poesia

Poesia

non mangi

non bevi

non ami

non vivi.

Sei.

di Vincenzo Sbarboro

 


CASTAGNO MONUMENTALE

Pubblicato da: | Pubblicato il: 12 agosto 2014
File0100alberoposterjFile0022 File0025 File0026 castagno02 castagno monumentaleneve IL CASTAGNO MONUMENTALE DI ACERO POGGIO

Duilio Citi

Il ruolo del castagno nella storia del territorio appenninico”

S.Rocco al Poggio di Acero – (Borzonasca) –21 marzo 2002

relciti

 

 

LE DUE CARTOLINE REALIZZATE SUL TEMA DI CUI UNA CON DISEGNO DI LELE LUZZATI

IL CUI INTROITO ANDO’ A FAVORE DELL’ASSOCIAZIONE TUMORI CEREBRALI DEI BAMBINI PER IL GASLINI

1-DSC_3157

DISEGNO DI LELE LUZZATI

1-DSC_3158

 

cartina


Perchè Belpiano.it?

Pubblicato da: | Pubblicato il: 12 agosto 2014

 belpiano2a

Foto Ricordo di Belpiano/porcile anni ’40

1-IMG_5294 il nostro Monte Cucco

Questo sito nasce per volontà mia e di Mario, mio marito, viviamo, io da sempre, qui a Belpiano, piccolo bel paese del nostro ricco entroterra ligure. Paese che fa parte del Comune di Borzonasca i cui nuclei abitati sono molto sparsi e che indicativamente fino agli anni ’50 del secolo scorso si chiamava Porcile. Amiamo vivere qui e trasmettere a Voi le nostre notizie su Belpiano, sul nostro territorio anche comunale,  su ciò che può interessare al di fuori dei nostri confini. Speriamo sia apprezzato questo nostro lavoro e sforzo, seppure possa sembrare limitato. E’ un inizio, sarà implementato anche da tutti coloro che vorranno collaborare in forma attiva con noi per migliorarlo e renderlo sempre più completo ed utile per tutti. Può essere anzi l’inizio per approfondire ricerche ed aiutare noi stessi a conoscerlo meglio, apprezzarlo e scoprirne insieme tanti altri aspetti, angoli, curiosità, storia, foto del nostro passato ecc………guardando con fiducia insieme al nostro futuro.

Belpiano – Porcile -le Castagne – Il Castagno – L’Erbu du Pan – Il Mulino

Appunti di Duilio Citi:

Dopo una breve premessa sul perchè la gente lo chiama l’erbu, sul ciclo di lavorazione dalla pianta alla farina, sul fatto che Belpiano prima era Porcile e che di solito questi toponimi indicano castagneti dove venivano fatti pascolare i maiali (da lì i funghi porcini che prendono il nome dai porci che li mangiavano), ed altre amenità, indicherei i documenti che testimoniano la storia più che millenaria della coltivazione del castagno nelle nostre zone. La storia del territorio per quel che riguarda la coltivazione del castagno: dai documenti più antichi a quelli più recenti.

Esempio: nella donazione fatta da Carlo Magno al monastero di Bobbio, nel 774,  si parla di un grande castagneto a Caregli.  Oppure, in un altro doc. di Bobbio, dell’ 862 c’è scritto: “In Comorga e Scaona (…) castaneis modia XX (…) etc.” che vuol dire che da Carasco venivano mandati al monastero circa 175 litri di castagne secche all’anno. “in Carelio e Cerredo (…) castaneis modium I, (…) castaneis modia III” che vuol dire che dal territorio di Caregli e di Mezzanego venivano mandati al monastero 35 litri di castagne all’anno. Le località citate sono tante………………..